AtlanticPlus .eu

Rare & Vintage
Toy Soldiers & Kits

Soldatini Airfix HO - Guida per il Collezionista

L'epopea del soldatino Airfix HO inizia nei primi mesi del 1960 con la mitica "S1 Guards band", per ben 60 diversi set in molteplici varianti. I soldatini Airfix in scala HO (cioe' 1:87, 20-25 mm) vengono catalogati in ragione della epoca e stile della confezione come segue:
 
I edizione "Type 1", 1960-1967
  • Chiamata alternativamente Airfix Type 1, oppure Window-Box, a volte White Box, caratterizzati dal un certo colore di fondo bianco della scatola e dalla finestra sul fronte.
  • Le edizioni "Type 1" sono 30 diversi set dalla "Guards Band" (a catalogo "S1" del gennaio 1960) al prototipo della "S30 Romans" (giugno '67).
  • Una collezione completa delle 30 Type 1 e' un magnifico classico e, se in perfette condizioni, viene volentieri battuta nelle aste in UK a valori vicino alle  4 cifre di British Pounds.
Foto: una Airfix S20 "Robin Hood" del 1965

II e III edizione "Blue Box", 1968-1975

  • La seconda edizione di packaging, che definiamo l'edizione principe, esce nel '68 ed e' universalmente chiamata BlueBox dal colore blu sui fianchi della scatola. Ricordiamo al collezionista nostrano che le Airfix BlueBox furono il modello di riferimento sia per le Baravelli II tipo che per le Atlantic serie 10000.
  • In versione BlueBox vengono ripubblicati tutti i titoli della I edizione, a cui si aggiungono molti nuovi set dal "S31 Royal Horse Artillery" (marzo '68), al "S49 Waterloo French Imperial Guard" (aprile '75).
  • Le BlueBox, inizialmente con logo Airfix rettagolare su fondo rosso (Blue Box primo tipo oppure "Type 2"), modificano parzialmente la grafica a partire dal 1972 quando Airfix assume il "nuovo" logo rotondo (Blue Box secondo tipo oppure "Type 3").
  • Due set Airfix sono stati commercializzati solo in versione BlueBox e mai piu' in edizioni successive: sono i rari  "S38 High Chaparral" (con figure FarWest tratte da un popolare serial TV inglese dell'epoca) e "S42 Station Accessories". Cinque set Airfix  si trovano solo in Type 1 o in BlueBox, mai piu' ripubblicati in seguito: i rari "S1 Guards Band", "S2 Guards Color Party", "S4 Farm Stock" "S24/S25 Zoo Animals set 1/2".
Foto: Alcune "BlueBox" primo tipo del periodo 1968-72, con logo Airfix rettangolare, e secondo tipo, del periodo 1972-75, con logo Airfix rotondo.
 
IV edizione "Stripe Box", 1976-1979
  • Nuovo cambio di grafica e nuove figure nel '76: le "Stripe Box", cosi' denominate per la striscia diagonale nell'angolo in basso a dx, con il "titolo" del set. 
  • La prima nuova uscita in Stripe Box e' la bella "S50 Australian Infantry" (settembre '76), l'ultima e' la "S56 Waterloo Prussian Infantry (maggio '79)". 
  • Dal punto di vista grafico, le "Stripe Box" perdono a nostro avviso il dinamico stile dei primi anni '70 e trasmettono solo deboli entusiasmi. E' inoltre da considerare che in Stripe Box sono stati riediti gran parte dei set precedenti che, e che tutti i set commercializzati in edizione Stripe Box sono ritrovabili in edizioni successive; per questi motivi tendiamo a valorizzare dal punto di vista collezionistico solo le prime uscite StripeBox, ovvero i numeri tra la S50 e la S56 che includono tra l'altro alcuni gioielli quali  le "S50 Australian Inf.","S52 German Mountain Troops", "S54 Gurkhas" e "S55 Luftwaffe Personnel".  
Foto: una Airfix S52 "German Mountains Troops" del 1977. Il set contiene interessanti pose e accessori tra i quali sci staccabili e muli.

V edizione "Tall Box", 1980-1981

  • Nuovo logo (ovale), nuove figure, nuova grafica di gran fascino sulle grandi "Tall Box" ("scatola alta") dell'80. Gli ultimi 3 set (NATO Ground Crew, NATO Inf. e Modern Russians) tornano al logo rotondo ma mantengono sostanzialmente lo stesso aspetto. 
  • La prima nuova uscita in Tall Box e' la "S57 WW2 Italian Infantry" (luglio '80), soggetto in precedenza snobbato dai produttori di soldatini in HO; 'ultima e' la "S60 Modern Russian Infantry" dell'82. 
  • La rara "S60 Modern Russian Infantry" (truppe del Patto di Varsavia) e' stata prodotta solo in versione Tall Box, e fino ad oggi mai piu' riedita.
  • Molti set precedenti alla S57 sono stati riediti in Tall Box, che dal punto di vista grafico sono particolarmente interessanti. La box-art minimale incentrata non su scene di battaglia ma su una singola figura su sfondo neutro (uno stile condiviso in tempi recenti dalle HAT gialle, notiamo), induce a spostare l'attenzione dal soldato all'essere umano, in una prospettiva che troviamo matura, stimolante e collezioniabilissima.
Foto: la Airfix S57 "WW2 Italian Infantry" , prima edizione 1980.

Qui finisce la storia del soldatino Airfix HO? 

  • L'epoca del soldatino da gioco e' finita, a partire dagli anni '80 i ragazzini giocano prima con i robot giapponesi e poi con i videogame "Arcade". Nessuna nuova figura viene prodotta e le ristampe degli stessi soldatini si susseguono nelle orribili confezioni azzurre della Humbrol, francesi "Marroni", HAT grigie primo tipo.
  • I soldatini Airfix erano quasi dimenticata quando nel '99 la casa riprese vita, riproponendo i classici in confezioni (chiamate in genere "Airfix 1999") con una grafica molto simile alle bluebox e numeri di catalogo A017xx. Questi set, molti dei quali commercializzati per un  periodo di tempo limitato e presto andati fuori produzione, sono gia' avidamente ricercati dai collezionisti piu' sensibili. 
  •  Nel 2010, nuovo cambio di logo (rotondo ma "3D") e di look per le confezioni, che ora sono rosse e contano 24 diversi set (la maggior parte 1ma e 2nda GM, Romani e Galli, Robin Hood e Sceriffo di Nottingham);
  • Alla fine del 2010, una nuova uscita (recast Italeri): il set A01763 "British Infantry Northern Europe", con le uniformi del D-Day. I contemporanei "red box" sono disponibili sul sito ufficiale Airfix al prezzo di 5,99 GBP + spedizione.
Foto: in alto: una bellissima Airfix "edizione 1999" gia' fuori produzione, la A01715 Wagon Train, con i carri dei pionieri. in basso: la maquette prototipo per l'ultimo "nuovo" set Airfix del 2010: la "WWII British Infantry Northern Europe".
 

Google Translator